Conservativa

Conservativa

Sotto questo termine troviamo le terapie necessarie a ripristinare la salute dei denti colpiti dalla carie.
La cura conservativa consiste nell' asportazione del tessuto cariato e nella ricostruzione della sostanza dentale perduta mediante materiale da otturazione.
Grazie al nostro costante aggiornamento, il materiale che proponiamo ai nostri pazienti è il più "sicuro" e moderno. La maggior parte delle nostre otturazioni viene effettuata in composito, un materiale estetico, costituito da una matrice organica che conferisce plasticità e adattabilità all'interno della cavità e da una parte inorganica, che conferisce robustezza, resistenza alle abrasioni e lucentezza.
L' amalgama, materiale ormai storico di color argento, comunque affidabile e duraturo, viene utilizzato nei settori posteriori, in alternativa al composito, esclusivamente laddove non si riesca ad ottenere un isolamento del dente che permetta l'adesione di un materiale composito.
Vi è inoltre la possibilità di restaurare l'elemento dentale cariato utilizzando un intarsio, ossia un manufatto in composito o porcellana confezionato dal laboratorio odontotecnico, che riproduce la parte di dente persa per la carie e che viene poi cementato in bocca. È una metodica che comporta la preparazione della cavità risanata, la presa dell'impronta e la cementazione finale. È una modalità sicura, valida esteticamente, stabile e durevole nel tempo.
Inoltre vengono realizzate faccette estetiche. Si tratta di sottili manufatti in composito o ceramica, realizzati in laboratorio, che si applicano sulla faccia esterna dei denti per ridargli una forma e un colore più estetici.
Tutte le cure vengono effettuate con l'ausilio della diga, un foglietto in lattice fissato ai denti con ganci metallici che consente all'operatore di isolare i denti dalla contaminazione salivare in modo tale da lavorare in campo asciutto e ottenere un risultato ottimale secondo le procedure richieste dalla moderna odontoiatria adesiva.
Per ridurre l'incidenza della carie a livello dei solchi a scopo preventivo viene eseguita la sigillatura. Si effettua con polimeri organici contenenti fluoro o compositi fluidi che scorrono dentro il solco e si legano alla superficie dello smalto con tecnica adesiva impedendo l'accesso ai batteri cariogeni.